Dragowski 6-
Non ha particolari colpe sui gol, ma con i piedi rischia troppo spesso di mettere in difficoltà la retroguardia viola. Va bene giocare dal basso, ma a volte un lancio lungo può risolvere situazioni difficili.
Benassi 6
Messo a sorpresa terzino destro vista la condizione non ottimale di Odriozola e l’infortunio di Venuti. Fuori ruolo e fa il possibile. Era difficile chiedergli di più.
(Dal 66′ Odriozola 5.5. Entra in un momento difficile, non incide)
Milenkovic 6-
Attento nel primo tempo, nel secondo cala come tutta la squadra. Il pressing dell’Inter lo mette in difficoltà
Nastasic 6
Stesso discorso fatto per Milenkovic, ma essendo la prima presenza stagionale non ha sfigurato. Può essere una buona alternativa.
Biraghi 5.5
Spinge poco, dalla sua fascia Darmian trova il gol. Non una prova disastrosa, ma un piccolo passo indietro rispetto alle ultime uscite.
Bonaventura 6+
Solita grande partita di qualità, attualmente un giocatore indispensabile. Dà il solito equilibrio e le manovre offensive passano spesso dai suoi piedi.
(Dall 84′ Callejon SV)
Torreira 6+
Habemus regista. Gioca bene, intercetta le linee di passaggio. Con un secondo tempo diverso sarebbe stato anche da 7, ma paga il calo generale della squadra.
(Dal 66′ Amrabat 6. Entra e fa il possibile. Si trova addirittura a giocare unico centrocampista dopo l’espulsione di Nico)


Duncan 6.5 (Il più in palla)


Migliore in campo senza dubbio. Mette sempre il fisico, non tira mai indietro la gamba. Se mi avessero detto lo scorso anno che Duncan sarebbe rinato con Italiano, non ci avrei creduto, ma il mister con lui dimostra di star lavorando bene. Ad oggi è quasi impensabile farne a meno.
(Dall 84′ Kokorin SV)
Sottil 6
Bene il gol, male il resto. Segna, ma spreca troppo: deve migliorare sotto porta, ma i colpi li ha.
(Dal 74′ Saponara SV. Non riesce ad entrare in partita)
Vlahovic 5 (Il meno in palla)
Annullato dalla difesa neroazzurra, pochi palloni giocabili. Nel primo tempo cerca di tenere qualche pallone in più, ma non è serata.
Nico Gonzalez 6-
Croce e delizia. Primo tempo giocato su grandi livelli, condito anche dall’assist per Sottil, ma nel secondo si vede poco: l’espulsione era assolutamente evitabile, non si reagisce così. Speriamo sia di una sola giornata la squalifica.

Italiano 6.5
Approccio aggressivo, primo tempo da squadra che vuole vincere lo scudetto, ma nel secondo tempo l’Inter ci mette sotto e ribalta in pochi minuti la partita. Nulla da dire però, la mano si vede e la strada è ancora lunga, ma la sensazione assolutamente comprensibile, è che ancora questa squadra non sia al top sotto il punto di vista della gestione. Ora c’è solo da pensare alla partita di Udine.

Il nostro collaboratore Jacopo Massini

Jacopo Massini

Leave a Reply

  • (not be published)