Anche gli studenti universitari, si sono mobilitati contro il green pass ed ieri mattina 13 settembre, hanno dato vita, ad una manifestazione in Piazza San Marco, per consegnare una lettera aperta alla rettrice sulla questione. Ma su come la pensi la rettrice, non paiono esservi dubbi, visto che all’ingresso è stato respinto per mancanza di green pass, uno dei tre latori della lettera aperta, come documentano le foto del controllo avvenuto all’entrata.

Lo studente respinto per mancanza di green pass
Il controllo del green pass di una delle due ragazze ammesse ad entrare per portare la lettera alla rettrice

E la conferma è venuta dalla risposta, data dalla stessa rettrice, alla lettera aperta degli studenti. In pratica, pur comprendendo le motivazioni alla base della protesta, la rettrice ha detto che l’università, è tenuta a rispettare le indicazioni del Governo e delle autorità sanitarie e quindi non sarà concesso l’ingresso agli studenti che risultino sprovvisti di green pass.

Ed anche Nataly, una studentessa della facoltà di Filosofia, ci ha confermato la rigidità dell’Università di Firenze, riguardo il green pass, raccontandoci che una sua amica, le aveva chiesto di informarsi in segreteria, se potesse entrare con un tampone risultato negativo, effettuato il giorno prima presso il punto tamponi della Croce Rossa, alla stazione e la risposta è stata, che essendo il tampone effettuato, gratuito, malgrado la negatività, esso non dava diritto all’accesso in facoltà. Questo, secondo Nataly, è un chiaro esempio di come il green pass, abbia travalicato l’aspetto sanitario, per assumere una valenza puramente politica.

Veronica Duranti, fondatrice, insieme a Filippo Dellepiane, del movimento no vax università, da noi intervistata, ha voluto comunque ribadire la propria contrarietà, all’imposizione del green pass, che a suo dire rappresenta una forte limitazione del diritto allo studio impedendo, a chi non ne è in possesso di accedere regolarmente alle lezioni e conseguentemente di poter terminare il ciclo universitario.

Luca Monti

Ph. Stefano Giannattasio

Leave a Reply

  • (not be published)