Ieri è stata giocata la partita di campionato fra Fiorentina e Milan, allo stadio Artemio Franchi di Firenze. La partita inizia, a differenza delle altre con una fiorentina dall’approccio di gioco molto vago, tanto che al 5º minuto il Milan arriva al gol, annullato per fuorigioco. In questa fase, è il Milan, che imposta il pressing pesante, chiudendo la Fiorentina in difesa limitando molto il gioco dei Viola. La Fiorentina, ha tuttavia una difesa solida che impedisce al Milan, di impostare il gioco come vorrebbe. Al 15º la Fiorentina, trova la rete sullo sviluppo di un calcio d’angolo con Duncan, che butta la palla in rete. Il Milan, è a questo punto in difficoltà, e diventa dunque una partita giocata di contropiede da entrambe le squadre con una conseguente instabilità tattica. Dopo mezzora giocata ad alti ritmi da entrambe le squadre il Milan, cerca di impostare il suo gioco facendo circolare molto la palla nella metà campo della Fiorentina. Al 45º la Fiorentina, proprio mentre viene annunciato il minuto di recupero, aumenta il vantaggio, per merito di Riccardo Saponara, che piazza la palla direttamente sotto l’incrocio dei pali.
Termina dunque un primo tempo molto movimentato con entrambe le squadre che hanno provato continuamente a dire la loro. Probabilmente il Milan, ha avuto più dominio di gioco ma le ottime azioni rapide della Fiorentina, hanno garantito il doppio vantaggio ai viola. Nella ripresa il Milan proprio come nel primo tempo, tiene alto il baricentro cercando spazi nella difesa della Fiorentina, gestendo molto la palla nella metà campo viola. Al 57º Pioli, pensa sia l’ora di cambiare qualcosa, inserendo dunque tre giocatori freschi: Florenzi, Giroud e Messias, al posto di Kalulu, Diaz e Saelemaekers. Dopo poco la Fiorentina trova il 3º gol per merito di Vlahovic, al minuto 60º. Il Milan inizia a reagire e dopo molte azioni vane, trova al 62º il suo primo gol grazie a Ibrahimovic, con un clamoroso errore di Bonaventura e nel giro di altri 5 minuti si porta sul 3 a 2 grazie ad un passaggio di Theo Hernandez, per Ibrahimovic, in mezzo all’area di rigore che coglie di sorpresa Terracciano e tutta la difesa Viola. Mister Italiano, dopo i 2 gol subiti in soli 5 minuti, capisce che c’è bisogno di forze fresche, facendo infatti entrare Castrovilli e Nico Gonzalez, per Bonaventura e Callejon.
Al 74º vi è il 4º cambio per il Milan, che sostituisce Tonali per Bennacer ed all’80º i rossoneri esauriscono i cambi inserendo Krunic, al posto di Leao, dolorante a causa di un crampo. La partita a questo punto diventa più movimentata che mai e dopo numerose azioni da ambo le parti, la Fiorentina all’85º trova il quarto gol, grazie di nuovo a Vlahovic. Sono sei i minuti di recupero stabiliti dall’arbitro, a seguito del gioco fermo per i crampi di Leao e la Fiorentina, sembra non sentire comunque la stanchezza grazie al forte incitamento del pubblico Viola. Al 93º la Fiorentina usufruisce del suo 3º cambio e fa entrare Maleh al posto di Duncan. Al 95º arrivano i primi due gialli della partita a Theo Hernandez e Castrovilli per essersi scontrati in un faccia a faccia.

La partita termina quindi al 96º sul 4 a 3 dopo lo sfortunato autogol di Venuti, con il pallone che gli rimbalza addosso dopo aver colpito la traversa.

Elogi alla Fiorentina, che in una serata di nebbia, che aveva fatto ipotizzare persino il rinvio della partita, guadagna una vittoria importantissima per il morale, strappando tre punti alla prima in classifica del tutto insperati alla vigilia, vista la formazione rimaneggiata per necessità varie.

Manfredi

Leave a Reply

  • (not be published)