Ieri, primo marzo, e’ iniziato il taglio degli alberi in Via Aretina, al quale erano presenti alcuni Cittadini indignati, che hanno commentato l’abbattimento del primo pino dicendo: “Era bellissimo, senza nessun ramo secco e con la chioma verdissima. Senza nessuna malattia, il tronco era sanissimo con nessuna imperfezione. Cade sotto la violenza e la barbarie umana, per un progetto di presunta riqualificazione di aiuole e marciapiedi. Settanta anni di amorevole e paziente opera della natura vengono cancellati in pochi minuti. Questa non e’ tecnologia, ma preistoria. Stiamo andando indietro anni luce, verso la demenza culturale e l’imbarbarimento dei valori che sostengono la vita di noi tutti.”

Al taglio di ieri, in Via Aretina, che andrà avanti fino a venerdì, si è aggiunto quello di altri pini, che sarebbe in corso, dentro l’Istituto Alberghiero Saffi, di Via del Mezzetta, come testimoniano le foto inviateci da alcune signore arrabbiate, per quello che definiscono uno scempio ambientale.

Luca Monti

Leave a Reply

  • (not be published)