La “Frizzina”, è una di quelle cose delle quali per parafrasare una canzone “ma che ne sanno i duemila” e probabilmente anche i “novanta”, intendendo con ciò, i nati in questi decenni di confine, tra vecchio e nuovo millennio. Il termine “frizzina”, è in realtà, un’espressione vernacolare fiorentina, con la quale si identifica il contenuto in polvere di una bustina di idrolitina, utilizzata per rendere frizzante l’acqua naturale.

L’Idrolitina, potrebbe oggi godersi il meritato riposo da pensionata, in un ipotetico museo dei prodotti che furono di culto, ma rischia, invece di doversi ritrovare suo malgrado, di nuovo tra gli scaffali dei supermercati. Succede, infatti che, nel clima di penuria e razionamenti che si intravede sempre più nelle nuvole sull’orizzonte del futuro prossimo venturo, rischiamo di non trovare più in vendita, l’acqua gassata, che tanti, incluso chi scrive, preferiscono a quella naturale. E’, di questi giorni, infatti, la notizia che la Sant’Anna, il maggiore produttore europeo di acque minerali, ha deciso di sospendere la produzione di acqua gassata, a causa della mancanza dell’anidride carbonica necessaria per appunto rendere frizzante l’acqua. Il rischio, dunque, è che, all’esaurimento delle scorte di magazzino, i supermercati possano ritrovarsi senza acqua gassata. I vertici della Sant’Anna, hanno giustificato la decisione di sospendere la produzione di acqua gassata, col fatto che i fornitori di anidride carbonica, avrebbero deciso di concentrarsi solo sul settore sanitario, lasciando a secco, è proprio il caso di dirlo, i produttori di acque minerali. Rimaniamo allibiti di fronte a tale motivazione, che di economico sembra proprio non avere nulla, assomigliando, invece, ad una scelta politica di fondo, quella del pauperismo e della riduzione forzata di determinati consumi, che sembra venirci imposta obtorto collo, con la scusa, di più o meno credibili e reali emergenze continue. Ma noi da buoni fiorentini, risponderemo, alla carenza di acqua gassata, con l’ironia che ci caratterizza dicendo: “O icchè tu vo’ che sia se manca l’acqua gassaha? E si tornerà alla Frizzina!” Insomma, forse si stava davvero meglio, quando si stava peggio.

Luca Monti

Leave a Reply

  • (not be published)