L’ex sindaco di Firenze ed ex presidente del consiglio, Matteo Renzi, sembra provar piacere a rompere le uova nel paniere ad Enrico Letta, non sappiamo se anche per la rivalità secolare e latente tra Firenze e Pisa, o per mere questioni politiche. Sta di fatto che Renzi, dopo l’ormai famoso: “Stai sereno Enrico” col quale di fatto si concluse l’esperienza di Letta, a Palazzo Chigi sta procurando un altro grattacapo all’attuale Segretario Nazionale del PD. Italia Viva, infatti sta facendo una vera e propria campagna acquisti tra gli eletti del PD in tutte le istituzioni toscane. Dopo il passaggio il 5 novembre scorso, dal PD ad Italia Viva, di Barbara Felleca Vice Presidente del Consiglio Comunale di Firenze, infatti, anche il Sindaco di Bagno a Ripoli, Francesco Casini, ha fatto ieri la stessa scelta e da giorni nei corridoi dei palazzi della Regione Toscana, si vocifera di Consiglieri Regionali, in procinto di fare altrettanto. Insomma il PD, sta perdendo pezzi importanti sulla scacchiera politica, proprio nella regione che al momento ne garantisce la sopravvivenza. Enrico Letta, sta prendendo tempo, ma rischia di trovarsi stritolato numericamente al congresso del partito, ancora da convocare e con l’incognita del Sindaco di Firenze, Dario Nardella che, pur non esponendosi troppo sembra ambire alla segreteria nazionale e da giorni evoca scenari cupi per il PD, che se continua l’emorragia di dirigenti in Toscana rischia di diventare davvero marginale sulla scena politica italiana. C’è però da tenere presente il sentimento popolare, che a Bagno a Ripoli sembra essere contrario alla decisione del Sindaco, di passare ad Italia Viva, senza contare che lo stesso Casini, potrebbe trovarsi in difficoltà, qualora i Consiglieri Comunali del PD dovessero sfiduciarlo, come già anticipato dal loro Capogruppo, Andrea Bencini, che ha chiesto una riunione tra le forze di maggioranza, per chiarire la situazione.

Insomma, anche se il post sui social, col quale Matteo Renzi, dà il benvenuto al nuovo acquisto di Italia Viva, appare entusiastico, la situazione è ancora fluida, come del resto succede spesso in politica ed occorrerà tempo, per capire chi tra Letta e Renzi citando un famoso proverbio “riderà bene perché riderà ultimo.”

Luca Monti

Leave a Reply

  • (not be published)