Si e’ ispirata al disegno del giovane Dante, del pittore giottesco Puccio Capanna, la classe V CD del liceo artistico Ripetta, uno dei più prestigiosi istituti scolastici Italiani.

Gli studenti, coordinati dai Professori Beatrice Angelini, Luciano Fabale e Gilberto di Benedetto, hanno ideato un’isola digitale, a disposizione dei Cittadini che utilizzando i mezzi elettrici, quali monopattino, bicicletta e motorino, possono essere facilitati a rifornirsi di energia da queste postazioni da installare nei parchi Italiani e sulle strade principali delle citta’ Italiane.

La portavoce della classe V CD, Perla Troncone, in una nota ha dichiarato: “La nostra missione, è quella di stimolare il più possibile l’uso di veicoli non inquinanti, dando la possibilità tramite queste isole tecnologiche, di dare energia a questi mezzi green. Inoltre ogni isola sara’ dotata di una fontanella, che ci dara’ acqua pura tramite un sistema di microfiltratura, senza contare, che in un mondo sempre più connesso, come quello del futuro prossimo, il poter ricaricare facilmente il proprio computer, o telefonino, rendera’ il telelavoro eseguibile anche all’aperto. Dopo la maturità, ci piacerebbe creare una start up innovativa, per ingegnerizzare e realizzare le nostre idee ecosostenibili poiché noi giovani siamo i primi a vivere nel mondo di domani. Confidiamo quindi nelle promesse del nostro Presidente del Consiglio, Mario Draghi che ha promesso fondi concreti per i giovani che hanno voglia di lavorare. Abbiamo ricevuto poi con grande piacere i complimenti dell’On Vittorio Sgarbi, che ha dimostrato sensibilita’ verso noi giovani volenterosi. Il progetto, è stato realizzato unendo il volto di Dante, ad una spirale, dopo un adeguato studio per il bilanciamento ed il funzionamento, che sono stati ottimizzati al massimo, per permettere di avere tutte le comodità in tre metri per due e mezzo. Per agevolare l’utilizzo, saranno indicate su un’applicazione tutte le isole disponibili. Oltre ad essere un punto di sosta ogni isola, è realizzata in polipropilene, un materiale molto resistente ed eco sostenibile ed il nostro obbiettivo è arrivare ad una struttura ad impatto 0. Anche per questo l’isola è completamente alimentata da dei pannelli solari posti sulla parte superiore, per permettere, non solo il caricamento di tutte quelle biciclette elettriche che specialmente a Roma, sono abbandonate sui marciapiedi, ma ma anche la ricarica di apparecchiature elettroniche. Infine l’isola, è dotata di un distributore d’acqua che sarà un servizio gratuito alla città, con annessi anche dei bidoni per la raccolta differenziata. Inserendo una tessera personale, o direttamente dal telefono verranno calcolati i punti che si potranno utilizzare per prendere a noleggio le biciclette elettriche. Nella parte interna della struttura sarà collocato un display per gli eventi della città in cui è collocato, ma potrà anche riportare gli orari degli autobus aggiornati se all’occorrenza servirà come pensilina.” Ci fa piacere che questi ragazzi della capitale, guidati dai loro insegnanti, si siano ispirati a Dante ed al suo unico “volto bello” nell’arte, che anche questa rubrica cerca di divulgare, per realizzare quest’idea innovativa, alla quale auguriamo ogni successo.

Leave a Reply

  • (not be published)