Ieri è stata prima domenica d’autunno, stagione che non si è presentata bene alla nostra regione, facendo registrare msltempo e danni ovunque, specialmente sulla fascia costiera. Iniziamo da Firenze, dove forse la situazione e stata migliore, rispetto al resto della Toscana. Nella nostra città, infatti, i danni sono stati tutto sommato contenuti, con cadute di alcuni alberi e danni alle postazioni di alcuni mercati domenicali, tra i quali, quello degli artigiani, in Piazza dei Ciompi, con gli espositori costretti ad abbandonare i loro banchi, che volavano via dopo il violento nubifragio, abbattutosi su Firenze, intorno alle 17 e 30. Ecco come si presenta, oggi Piazza dei Ciompi, con alcuni banchi in attesa di essere recuperati.

In Mugello, sono state danneggiate molte auto in sosta, da una violenta grandinata con chicchi di grossa dimensione, che hanno sfondato i parabrezza. Molto peggio però come detto, è andata alla costa. Tra Massa e Carrara, ad esempio, dove intorno alle 16, si e’ abbattuta una vera e propria tromba d’aria, i danni e gli allagamenti sono ingenti con tre famiglie evacuate nella città del marmo. Ma anche a Marina di Pisa, non è andata meglio, con i tetti di alcune case scoperchiati e volati in strada come proiettili. Anche in Garfagnana, i disagi sono stati evidenti con la chiusura, per la caduta di numerosi alberi, della Strada Statale 12 “Abetone e Brennero” ed il black out alla stazione ferroviaria di Piazza al Serchio, che ha mandato in tilt, il transito dei treni, in quella zona. A Viareggio, invece fuggi fuggi tra gli spettatori dei corsi dei carri, di questo insolito carnevale settembrino, posticipato a causa dalla situazione sanitaria. Disagi anche ad Arezzo ed in Casentino. Fortunatamente non si registrano vittime o feriti.

Luca Monti

Leave a Reply

  • (not be published)