Ieri, ennesimo sabato di protesta contro il Green Pass. I manifestanti dopo il consueto ritrovo in Piazza San Firenze, si sono mossi in corteo sino alla vicina Piazza del Duomo dove, sotto gli uffici della Presidenza della Regione, hanno lanciato cori e slogan, per far capire al Presidente Giani, che intendono difendere i loro diritti di Cittadini liberi, che non possono essere cancellati da eventuali ordinanze regionali ulteriormente restrittive delle norme nazionali.

I manifestanti visto che, come del resto era prevedibile, le finestre degli uffici erano chiusi, hanno intonato il coro “Vergogna, vergogna!” ed hanno invitato Giani a dimettersi.

Ci hanno colpito tra i presenti sotto le finestre di Giani, due bambine, Emilia e Silvia, anch’esse convinte nell’urlare la loro contrarietà al vaccino. Erano inoltre presenti, alcuni studenti universitari che hanno letto in anteprima, la loro lettera aperta al Rettore, che domani lunedì, sara’ consegnata, durante una manifestazione in Piazza San Marco, di fronte al rettorato.

La Signora Luisa, da noi intervistata, ci ha detto: “Io sono di cultura liberale ed in quanto tale, non posso che essere contraria al green pass, anche perché da Cittadina Italiana trovo imbarazzante che il Governo del mio Paese, se davvero è convinto che il vaccino sia l’unica soluzione sanitaria possibile, non lo metta obbligatorio per non assumersi le proprie responsabilità scaricandole sui Cittadini, con un obbligo mascherato come appunto il green pass.”

Luca Monti

Ph. Stefano Giannattasio

Leave a Reply

  • (not be published)