Terracciano 7
Qualche errore in fase di impostazione, ma la parata su Kallon, nel finale di gara è un vero e proprio miracolo che salva il risultato.


Venuti 6
Pochi squilli in avanti, se non in un’occasione in cui calcia clamorosamente addosso a Montipó. Quando il Verona viene fuori lui torna in difesa e dà il suo contributo.


Quarta 7.5 (Il Più in Palla)


Rischia solo in un’occasione, quando perde palla in uscita e regala il tiro a Kallon, a tu per tu con Terracciano. Per il resto però fa una partita sublime, con numerosi interventi puliti e precisi. Sta ingranando.


Ranieri 6.5
Fa la sua figura. Sicuramente dal punto di vista tecnico dimostra di avere qualche limite, ma la grinta e la voglia di spazzare via ogni pallone non gli manca. Alla fine porta a casa anche il clean sheet.


Biraghi 5.5 (Il Meno in Palla)
Non fa una brutta partita, quantomeno in fase difensiva, ma il rigore sbagliato pesa come un macigno visto che non ha permesso di andare sul doppio vantaggio già nel primo tempo.


Amrabat 6+
Di fianco a Mandragora, ha più libertà e si vede. Questo nuovo 4-2-3-1 appare congeniale alle sue caratteristiche e lo dimostra con una buona prova. È costretto ad uscire anzitempo a causa di un piccolo fastidio. (Dal 50′ Bonaventura 6. Entra e tiene qualche pallone, anche se non è facile visto il forte pressing del Verona nel secondo tempo. In ogni caso se la cava)


Mandragora 6+
Forse un po’ lento e macchinoso, ma nel ruolo di vertice basso si vede che è un altro giocatore. Bravissimo nell’imbucata che porta all’assist per Nico Gonzalez.


Barak 6.5
Punto centrale del nuovo 4-2-3-1 di Italiano. Si muove perfettamente tra le linee, creando scompiglio nella retroguardia gialloblù. Bravo di testa e nelle sponde. Perde lucidità con il passare dei minuti. (Dal 79′ Duncan 6.5. Giusto il tempo per dare una palla splendida a Mandragora che la trasforma in assist per il 2-0 finale di Nico Gonzalez)


Sottil 6+
Ad Hein gira ancora la testa. Lo punta sempre e lo passa il più delle volte. L’unico difetto? Fa ancora tanta fatica in fase di tiro. Partita comunque positiva. (Dal 66′ Nico Gonzalez 6.5. Nico is back. Parte al piccolo trotto, ma poi si accende e con un ottimo inserimento in area di rigore chiude la questione e garantisce i 3 punti ai viola)


Kouame 6.5
Schierato punta quasi a sorpresa. Se la cava benissimo muovendosi tanto e conquistando anche il rigore, poi sbagliato da Biraghi. Si dimostra un’ottima alternativa alla solita alternanza Jovic-Cabral. (Dal 79′ Cabral SV)


Ikonè 6.5
Finalmente torna al gol, che mancava addirittura dal match vinto a Napoli per 3-2 nello scorso campionato. Tante polemiche nelle ultime settimane ma una risposta alla fine è arrivata. Cala un po’ con l’andare dei minuti. (Dal 66′ Saponara 6. Poco cercato, ma quando ha la palla tra i piedi gli avversari non la vedono quasi mai)


Italiano 6.5
Si dimostra bravo e intelligente a cambiare nel momento in cui la Fiorentina aveva bisogno di una scossa. Il 4-2-3-1, senza cambiare il credo fondato su un calcio offensivo, è stata la svolta della partita e chissà che non possa esserlo anche per la stagione. La sua squadra è calata nella ripresa, ma l’approccio e il gioco hanno riportato alla memoria quella che è stata la Fiorentina che la scorsa stagione ha riconquistato l’accesso all’Europa.

Jacopo Massini

Il nostro Caporedattore Sportivo Jacopo Massini

Leave a Reply

  • (not be published)