Gollini 6.5 Compie un miracolo nel primo tempo e può fare poco sul pareggio di Ilic. Sempre attento e preciso con i piedi.

Dodô 6 Prova a spingere, ma non sgasa come al solito. Un po’ con il freno a mano tirato.

Quarta 6 Fa buona guardia in difesa, per quanto c’è bisogno e con la palla al piede cerca sempre lo scarico corto. Partita tutto sommato tranquilla.

Ranieri 5.5 Si perde Ilic sul gol, anche se tutto nasce da una palla persa da Barak.

Biraghi 6.5 Offre l’assist per Barak e si rende partecipe di tanti inserimenti interessanti. Con l’ingresso in campo di Sottil, aumenta la sua pericolosità.

Barak 6 Segna e fa segnare. Primo gol dal sapore amaro per lui in Europa. Va detto però che oltre al gol è anche l’unico che si inserisce e crea pericoli tra i centrocampisti. (Dal 77′ Mandragora SV)

Amrabat 6 Tiene palla, la fa girare, ma rischia troppo in certe circostanze, specialmente quando sul finire del primo tempo mette in difficoltà Bonaventura e chiama Gollini, al miracolo.

Bonaventura 6- Tocca pochi palloni ed è assente. Non sbaglia qualcosa in particolare ma è troppo fuori dalla manovra e si sente. (Dal 72′ Maleh 5. Sbaglia praticamente tutto)

Ikonè 4.5 Il Meno in Palla. Boh. Difficile anche da giudicare. Non salta l’uomo, ma il problema è che quasi nemmeno ci prova. La situazione è alquanto preoccupante. (Dal 77′ Saponara SV)

Cabral 6+ Impegna il portiere avversario in più di un’occasione, si sbatte e ci prova. Il problema è sempre il solito: manca il gol, che nel calcio specialmente se sei un attaccante, è fondamentale. (Dal 55′ Jovic 5. Bravo negli scambi, almeno si muove, ma un tiro in curva e una palla strozzata a lato sono troppo poco per uno col suo curriculum: ci si aspetta di più)

Kouame 5.5 Crea poco, prova ad andare di testa su qualche cross, ma non è un pericolo per la difesa dell’RFS.

(Dal 46′ Sottil 6.5. Il Più in Palla. Boccata d’aria fresca: l’unico che salta l’uomo e crea pericoli sulla fascia)

Italiano 5 La squadra attacca, spinge e crea occasioni, ma il gioco appare monotono. Sviluppa, infatti, molto, forse troppo, gioco orizzontale con palla in mezzo sperando in un colpo di testa. Grave errore poi accontentarsi dell’1-0, perché diventa logico poter subire gol. Non è colpa sua se gli attaccanti non segnano ma questo atteggiamento passivo è inaccettabile.

Jacopo Massini

Il nostro Caporedattore Sportivo Jacopo Massini

Leave a Reply

  • (not be published)