Ieri pomeriggio, 30 luglio, davanti all’Esselunga di Via Canova, l’Associazione Rumeni Uniti in Toscana, ha organizzato un banchino per la raccolta firme a supporto della petizione popolare, promossa dall’Onorevole Sara Cunial in materia di libertà di scelta nelle cure sanitarie.

Incuriositi sul perché un’associazione di Cittadini Rumeni, residenti in Toscana, abbia deciso di appoggiare la raccolta firme dell’Onorevole Sara Cunial, abbiamo intervistato al riguardo la Presidente dell’associazione, Stela Tomoiaga, presente al banchino.

Ecco cosa ci ha detto: «La nostra associazione ha deciso di sostenere questa petizione, perché la riteniamo importante in materia di difesa dei diritti umani, alla quale vogliamo dare un contributo, come Cittadini Europei, che hanno scelto di vivere in questo Paese. Il nostro appoggio alla petizione promossa dall’Onorevole Sara Cunial, però non va letto come una volontà, da parte nostra, di cercare candidature politiche, seguendo la Cunial appunto. Il nostro supporto a questa iniziativa infatti, è solo di principio, occupandoci noi come associazione, anche della difesa dei diritti umani, che non possono essere violati negando la libertà di scelta in materia di cure sanitarie. Inoltre non troverei giusto che i Rumeni debbano candidarsi al Parlamento Italiano esattamente come non troverei giusto il contrario, con candidati Italiani, in Romania. Purtroppo l’Unione Europea, com’è concepita sta cancellando l’amore dei Cittadini, verso il proprio Paese e questo porta ai risultati negativi che vediamo nell’azione di governo, sia in Italia, che in Romania ed altrove.»

Luca Monti

Ph. Stefano Giannattasio

Leave a Reply

  • (not be published)