La Fiorentina perde di nuovo e non riesce a trovare la via del gol. In 22 partite, infatti la squadra Viola, ha segnato solo 22 gol, incassandone invece 35, spesso ottenuti con poche conclusioni a rete degli avversari. Questo vuol dire che pur giocando bene la Fiorentina di Prandelli, ha grosse difficoltà realizzative, perchè costruisce più occasioni di tante squadre ottenendo meno. Ed ora la classifica piange in quanto abbiamo ottenuto solo 15 punti nelle ultime quindici partite, con una media da retrocessione, ben lontana dai 40 punti necessari per la salvezza. L’unica speranza è che le squadre sotto di noi, facciano ancor meno punti. La Fiorentina, contro l’Inter, fece un buon primo tempo, con Borja Valero titolare al posto dell’infortunato Ribery. Col cambio di Kouamè, per Borja Valero, il secondo tempo fu disastroso, eppure ieri Prandelli, ha riprovato a schierare Kouamè al posto di Borja, col risultato che, pur giocando bene non siamo stati incisivi in attacco, come spesso ci succede. Prandelli motiva la sua scelta di schierare Kouamè, sostenendo che Montiel, non sarebbe ancora pronto per giocare in Serie A, ma siamo sicuri che lo sia Kouamè? Adesso venerdì pomeriggio alle 18e 30, ci aspetta la partita con lo Spezia, che ha battuto in casa il Milan, e che ora ha 2 punti più di noi oltre ad avere in rosa, due ex Viola, Saponara ed Agudelo, che hanno entrambi fatto una buona prestazione contro il Milan, mentre da noi non riuscivano a trovare spazio, quando ora ci avrebbero fatto comodo. Non vorremmo che Montiel, giovane di talento facesse la stessa fine, andando altrove a giocare bene, per la mancanza di fiducia da parte dell’allenatore.

Venendo alla cronaca della partita di ieri con la Samp, da segnalare un intervento falloso di Gaston Ramirez, nei confronti di Pezzella, ignorato dall’arbitro che decide di non rivedere l’azione alla Var. C’è da dire che, anche in quest’occasione abbiamo protestato poco e siamo stati poco furbi preferendo battere subito il calcio d’angolo. Non può non tornarci in mente la partita di Torino, nella quale il giallo di Castrovilli, diventò rosso quando ieri non cè stato neanche il ricorso alla Var, da parte dell’arbitro.

Safaie

ARTICOLO PRECEDENTE

La “Gabbia per Grilli”

ARTICOLO SUCCESSIVO

L’amore secondo Dante

Leave a Reply

  • (not be published)