Avvocato Fernando Rucci, Sovrano Gran Commendatore dell’Unione Logge Sovrane del Mediterraneo e presidente dell’Alleanza Universale Massonica

Qual’è la posizione della Massoneria nei confronti delle religioni?

La Massoneria non è una religione, anche se alcuni la considerano come una setta o come una struttura pseudoreligiosa, non sponsorizza nessuna religione, come disse Anderson nei suoi landmark per essere massoni non bisogna essere “ne uno stupido ateo ne un’irreligioso libertino”. In ogni loggia massonica sopra lo scranno del Maestro Venerabile c’è un triangolo con un occhio e rappresenta l’occhio del Grande Architetto dell’Universo, è il principio di trascendenza ed in esso ciascuno vede il Dio in cui crede. Noi in italia apriamo i lavori ponendo squadra e compasso sulla Bibbia, in altri posti, a seconda della religione si aprono i lavori ponendo squadra e compasso su altri testi sacri. In sostanza la Massoneria è per la libertà religiosa, non combatte nessuna religione e non è integralista, ovvero non si confonde con i fanatismi religiosi di cui la cronaca ci ha dato tantissimi esempi.

Cos’è la la libertà dei massoni? È il libero arbitrio della teologia?

Il libero arbitrio è una balla grossa della teologia che contrasta sostanzialmente con la teoria giansenista della predestinazione, perchè il libero arbitrio è un punto di vista teologico portato avanti dal Cattolicesimo, le due teorie si bloccano entrambe di fronte a un muro di gomma perché tutte e due sono contro la determinazione che la religione da della divinità. Secondo la teoria di predestinazione ognuno di noi nasce con un destino segnato secondo invece il libero arbitrio noi nasciamo con eguali potenzialità e ciascuno è libero di fare il suo destino. Le due teorie si scontrano con un altro dogma religioso che è quello della mancanza di tempo e di spazio nella mente di Dio, quindi nella mente di dio tutto è presente. Come mai se nella mente di Dio tutto è presente alcuni li favorisce mentre altri li danna, perché alcuni li fa diventare ricchi ed altri li tiene in povertà? Se invece guardiamo dal punto di vista del libero arbitrio, sempre facendo riferimento alla contemporaneità della mente di Dio, se Dio sa, perchè tutto è presente nella sua mente, che un uomo si danna perchè non interviene? Quale padre non salverebbe il figlio che sta per cadere in un burrone? Il collegamento tra le due teorie potrebbe essere dato dalla teoria dei Rosacroce i quali parlando di reincarnazione dicono sostanzialmente che nel momento della morte l’uomo, in tutta libertà, fa ammenda dei suoi errori e decide di reincarnarsi con un vita predeterminata per pagare gli errori della vita precedente, siamo comunque nel campo delle teorie filosifiche che possono essere sempre e comunque opinabili.
Molto distante da queste teorie è la libertà massonica, che consiste nel non subire condizionamenti di natura poitica, religiosa, di ceto e di razza. Essere liberi, massonicamente, significa ragionare con la propria testa senza subire condizionamenti di sorta, andare oltre quello che ci rappresenta la società in cui viviamo. Usare la ragione e porre l’uomo al centro dell’universo. Usare la propria libertà senza limitare quella degli altri. Tutto può essere spiegato con la ragione e non esistono dogmi. Tutti hanno eguali diritti e doveri e non possono esistere privilegiati per la funzione che ricoprono o per il gruppo sociale al quale appartengono. Siamo tenuti a rispettare la legge, ma abbiamo il diritto di criticarla se non la riteniamo giusta. La Massoneria non accetta padroni e non vuole servi, perché lascia a ciascuno la propria libertà di coscienza.

Cos’è Satana?

Dobbiamo prendere il discorso da lontano, noi sappiamo, proprio perché siamo Cattolici quindi Cristiani, che la nostra religione è fondata sulla Bibbia, sull’antico testamento sul nuovo testamento, testi che nessuno di noi conosce perché sono pochissimi quelli che li hanno letti integralmente. La Bibbia parla di Jahvè e racconta delle gesta di questo signore che noi chiamiamo Dio. Recentemente è subentrato uno studioso che risponde al nome di Mauro Biglino, ex traduttore delle Edizione Paoline dei Testi Sacri dell’Ebraico, dopo aver scritto 19 libri tutti con l’imprimatur della chiesa, ad un certo punto si rende conto che l’interpretazione religiosa di questi testi non è conforme a quanto è scritto e arriva alla conclusione che, il Dio della Bibbia sarebbe uno degli Elohim, che lui identifica con i personaggi venuti dallo spazio che hanno occupato per diverso tempo il nostro pianeta. In questa indagine si rende conto che satana non è una persona ma è una funzione, è colui che avversa un altra persona, e arriva a questa conclusione perché nell’antico testamento il nome di satana viene ripetuto 18 volte ma è sempre preceduto da un articolo, a significare che si riferisce alla funzione che un uomo assume in un determinato momento. Il fatto che satana non esiste emerge da un discorso dello stesso Papa Francesco quando, parlando con Eugenio Scalfari afferma testualmente che l’inferno non esiste e che le anime di quelli che non si pentono semplicemente spariranno, è chiaro che di fronte a queste verità noi da duemila anni siamo succubi di paure e del terrore di andare all’inferno quando sostanzialmente l’inferno non esiste perchè la teologia ha trasformato nell’inferno quello che era il luogo dove Enki, uno degli Annunaki, di cui parla Zecharia Sitchin, estraeva l’oro e, poichè l’estrazione avveniva nel sottosuolo, lui è diventato signore degli abissi e degli inferi quindi l’inferno e il paradiso sicuramente non esistono c’è qualcosa di più che noi purtroppo non conosciamo.

Se l’inferno e il paradiso non esistono, secondo lei, Dante Alighieri, con la sua Divina Commedia, ha sbagliato strada?
La Divina commedia ha una forte connotazione esoterica, se lei ci fa caso i canti sono 33 e si conclude con un affermazione che fa Dante nell’ultimo verso dell’ultimo canto del paradiso “L’amore muove il sole e l’altre stelle”, è tutto un linguaggio massonico, in molti hanno studiato esotericamente la Divina Commedia.

Anche se ufficialmente la Massoneria è nata nel 1717 il calendario massonico parte 4000 anni prima
come mai?


La nostra datazione della nascita delle religioni risale a circa 2000 anni fa, però’ se andiamo a vedere i testi sacri delle religioni la datazione è molto piu antica.Le compagnie aeree indiane sui loro aerei scrivono sui nostri cieli si vola da 3000 anni, perchè nei cieli c’erano già le astronavi di coloro che avevano occupato la terra, a un certo punto questi signori non si sa ancora per quale motivo se ne vanno. Lasciando una classe dirigetnte sacerdotale, da non confondersi con i nostri preti, tali sacerdoti avevano funzioni amministrative facevano da collegmaneto tra gli Elohim e il popolo ed erano stati istruti su tutte quelle questioni di natura esoterica, scientifica, amministrativa che dovevano servire loro per governare la popolazione, quando i sudditi deviavano c’erano le repressioni che venivano fatte con le armi delle quali erano dotate le astronavi degli Elohim, a mero titolo di esempio cito Sodoma e Gomorra, a un certo punto questi signori se ne vanno, non si sa perchè, e i sacerdoti si trovano a non avere la copertura degli elohim. Vengono inventate allora le religioni, quando ormai una parte di popolazione era venuta a conoscenza dei segerti sia scientifici che esoterici e che giustamente non poteva essere irretita con la paura dell’inferno e del purgatorio, o con il divieto di accesso in paradiso. A tal punto si forma una struttura di cosiddetti “inziati” che poi da avvio alla Massoneria moderna. Sia Biglino sia Zecharia Sitchin si sono posti il problema di come gli Assiri, gli Egizi, i Babilonesi e i Sumeri, facessero a conoscere esattamente la composizione del nostro Sistema Solare, visto che non avevano altra possibilità di vedere le stelle se non a occhio nudo, compresi dettagli che noi stiamo scoprendo solo oggi attraverso l’uso di particolare strumenti tecnici.

Le lascio spazio per le sue conclusioni.

Concludendo la Massoneria conserva una scienza tradizionale, che poi ha velato di mistero per mantenere il dominio sugli iscritti e lo svela grado per grado, le religioni, invece, hanno imposto la paura e il terrore attraverso la dannazione eterna ma il fine è sempre lo stesso.

Paolo Miki D’Agostini

Leave a Reply

  • (not be published)