Oggi, 28 novembre, è la giornata nazionale della lotta contro il morbo di Parkinson, e ci piace celebrarla, facendo conoscere un’interessante realtà associativa fiorentina, che è nata da circa un anno, con lo scopo di approcciarsi, prima ed unica per ora in Italia, a tale malattia in un modo assolutamente diverso, vale a dire, offrendo corsi gratuiti di pugilato “senza contatto” a pazienti affetti da tale patologia, presso il centro medico Training Lab, in Via Scipione Ammirato 35/1, del quale il presidente dell’associazione, Dottor Maurizio Bertoni, è direttore sanitario.

L’associazione si chiama “Un Gancio al Parkinson”, e, come dice il Dottor Bertoni: “Abbiamo deciso di trattare i pazienti affetti dal morbo di Parkinson, con allenamenti di boxe “senza contatto”, perchè recenti ricerche cliniche, hanno mostrato come l’esercizio fisico, per coloro che sono affetti da tale patologia, per essere efficace, deve essere di una certa intensità. Una forma di esercizio che rispetta questa caratteristica, è proprio l’allenamento di pugilato, che comporta movimenti che stimolano l’equilibrio, la coordinazione, la velocità e la forza. Oggi la nostra associazione segue gratuitamente trentanove pazienti, e siamo i primi, nel nostro Paese, ad aver intrapreso questo progetto, e per questo, al nostro interno, abbiamo costituito un Comitato Scientifico, composto da medici e ricercatori, che nei prossimi mesi pubblicheranno, uno studio sui risultati dell’attività. I primi segnali sono comunque incoraggianti, perchè mostrano come i pazienti trattati col nostro metodo di allenamento, danno riscontri positivi, in termini di miglioramento posturale, e di coordinazione riuscendo a muoversi meglio, ed a mantenere questi progressi nel tempo.”

Ringraziamo il Dottor Bertoni, e lo staff tecnico sanitario di “Un gancio al Parkinson”, per quanto stanno facendo, perchè, oltre a dare sollievo a chi vive una tragica patologia, rappresentano la prosecuzione della tradizione che vede Firenze, sempre all’avanguardia nella solidarietà, e nei modi di esprimerla.

Leave a Reply

  • (not be published)