Continuano a rincorrersi le voci sul risiko bancario, che coinvolge anche il Monte dei Paschi di Siena, e le due principali associazioni di categoria dei commercianti della città, Confcommercio e Confesercenti, si uniscono in un appello alle forze politiche, teso a far valere la necessità che l’istituto di credito, qualunque ne sia il futuro prossimo, mantenga comunque un forte legame col suo territorio di origine.

“Le prossime settimane saranno decisive per disegnare il futuro del Monte dei Paschi. Confcommercio Siena e Confesercenti Siena, non intendono entrare nel merito delle strategie, o delle ipotesi che da tempo circolano, o in quello delle possibili soluzioni. Quello che alle nostre Associazioni preme, è che la soluzione, qualunque essa sia, non prescinda da alcuni punti fermi, quali: il mantenimento di un solido rapporto con il territorio, che dal 1472, ha caratterizzato la banca e che, anche se negli ultimi anni si è allentato deve tornare ad essere un asse portante della futura strategia operativa; il mantenimento della direzione generale a Siena, quale segno tangibile di continuità storica della banca, con il luogo in cui è nata e cresciuta; il mantenimento dei livelli occupazionali, sia per quanto riguarda le filiali ma anche per alcune direzioni strategiche che riteniamo debbano continuare ad essere presenti e ad operare da questo territorio; la definizione del contenzioso con la Fondazione Monte dei Paschi. Con le risorse che ne deriveranno, infatti, questa potrà, con una maggior patrimonializzazione, tornare a svolgere un ruolo di player di primo piano nello sviluppo del territorio, evitando di ripercorrere le strade del passato che hanno prodotto i risultati che sappiamo. Crediamo che questi punti possano rappresentare il sentire di buona parte della comunità senese, e rappresentare la base per una coesione vera e decisa di tutte le forze politiche, sociali ed economiche del nostro territorio. Ci rivolgiamo quindi a tutte le forze politiche, nessuna esclusa, perché su una partita di tale importanza si accantonino divisioni e distinguo, e si vada con una voce unica a sostenere il futuro del Monte dei Paschi. Lo stesso appello lo rivolgiamo al Consiglio Comunale, chiamato a breve ad esprimersi sul tema, perché anche in tale sede si riesca, superando la dicotomia maggioranza/opposizione, a giungere ad una sintesi comune che consenta di riaffermare con forza il ruolo centrale della nostra comunità. Ci rivolgiamo infine al Presidente della Regione, al Presidente della Provincia ed al Sindaco di Siena, perché, come hanno fatto finora, continuino a portare avanti in modo sinergico il rapporto con i poteri centrali, forti del sostegno e dell’unità di intenti che tutti insieme dobbiamo garantire per non vanificare secoli di storia”.

Leave a Reply

  • (not be published)