Questo nefasto 2020, ci ha portato via anche Paolo Rossi, uno degli eroi della meravigliosa nazionale di calcio dell’82, in Spagna, che si laureò Campione del Mondo. Ricordo a memoria tutto di quel mondiale, e tutte le volte che ne rivedo le immagini, ancora adesso mi vengono i brividi.

I tre gol di Pablito, contro il Brasile, sono l’esaltazione delle sue innate caratteristiche di centravanti: la scaltrezza, la velocità di pensiero ed il senso del gol. Mi piace pensare, da fiorentino, che parte del suo futuro sviluppo calcistico, sia anche frutto del lavoro dei tecnici delle squadre giovanili della Cattolica Virtus, nelle quali il pratese Paolo Rossi, ha militato da giovanissimo. Comunque sia, anche Paolino, come Diego, è uno di quei campioni, che vanno aldilà delle bandiere, e per questo, vivrà per sempre nei nostri ricordi. Riposa in pace Pablito.

Luciano Cammilli

Leave a Reply

  • (not be published)