Continuano le proteste del sabato contro il green pass. Anche ieri, 16 ottobre, infatti, malgrado già il giorno precedente si fosse svolta una manifestazione al riguardo, si è tenuto il consueto corteo pomeridiano, con partenza da Piazza San Firenze.

Durante il percorso vi sono state alcune soste con relativi sit in, che hanno causato limitati problemi al traffico. Si conferma la pacifica irriducibilità di coloro che non accettano passivamente, l’introduzione del green pass che essendo divenuto una condizione obbligatoria per accedere ai luoghi di lavoro, unico esempio al mondo in tal senso, appare sempre più come una misura restrittiva, molto al limite del diritto costituzionale, non solo in Italia, ma a livello di Paese democratico in genere, come sottolineano anche svariate testate giornalistiche europee e non solo, delle quali riportiamo nella foto seguente, alcuni titoli, ben esplicativi della questione.

Insomma, anche all’estero, vedono l’Italia a rischio regime totalitario, in nome dell’emergenza sanitaria che sembra destinata a non concludersi mai.

Luca Monti

Ph. Stefano Giannattasio

Leave a Reply

  • (not be published)